Gli iscritti al Movimento 5 stelle dicono sì alle proposte di legge su testamento biologico ed eutanasia. Il voto si è svolto per tutta la giornata ed è avvenuto sulla piattaforma Rousseau. “Per il primo quesito”, si legge, “hanno votato 20.315 iscritti certificati, di cui 19.381 a favore e 934 contrari. Per il secondo hanno partecipato 20.086 iscritti certificati, di cui 18.204 a favore e 1882 contrari”.

La consultazione tra gli iscritti è stata annunciata in mattinata: “La Camera dei deputati”, recitava la nota sul blog di Beppe Grillo, “si appresta a discutere e votare la proposta di legge sulle disposizioni anticipate di trattamento, denominato ‘fine vita’ o ‘testamento biologico’. Ad essere affrontato e normato sarà un tema estremamente delicato rispetto al quale è doverosa una presa in carico da parte delle istituzioni”.

I disegni di legge – diversi e di parlamentari di diversi partiti – presentati in materia di trattamento sanitario, consenso informato e dichiarazioni di volontà anticipate stanno aspettando di essere discussi alla Camera, in commissione. Su questo tema lo scontro politico, anche in maggioranza, si annuncia particolarmente acceso. Dopo alcune riunioni propedeutiche di questi giorni, nelle prossime settimane dovrebbe riprendere la discussione. I parlamentari M5s, dopo il voto di quest’oggi, hanno il mandato da parte degli iscritti di votare favorevolmente a entrambi i provvedimenti.

“Grazie agli oltre 20mila iscritti certificati”, ha commentato su Facebook il deputato Matteo Mantero, “che hanno espresso la loro opinione su questo tema così delicato e importante, sono contento, anche un poco commosso. Questo è il ruolo per cui sono stato eletto, il mandato che mi avete dato, portare fuori i temi su cui lavoriamo quotidianamente, condividerli e riportare dentro la vostra voce. Da domani orgoglioso di poter essere vostro portavoce, continuerò a lavorare sul tema del fine vita sul percorso che avete appena tracciato”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Migranti, l’odissea dei piccoli. Minori come pacchi tra Italia e Svizzera: “Respinti in barba agli accordi”

prev
Articolo Successivo

Nozze gay, Virginia Raggi celebra prima unione civile in Campidoglio: “Nasce una nuova coppia e una nuova famiglia”

next