Un anno fa era stata filmata mentre faceva lo sgambetto ad alcuni migranti che scappavano dalla polizia al confine con la Serbia. Immagini che hanno fatto il giro del mondo e che hanno causato il licenziamento di Petra Lazlo, giornalista ungherese di N1TV, emittente televisiva vicina al governo Orban. Ma la vicenda ha avuto anche risvolto giudiziario: la cronista è accusata di turbamento dell’ordine pubblico, un reato che nell’ordinamento giuridico ungherese è definito come comportamento violento e antisociale, che suscita indignazione o allarme, ed è punibile fino a due anni di carcere, a meno che non vi siano ulteriori aggravanti.

I pm della contea di Csongrad – nel sud dell’Ungheria – che indagano sul caso, hanno ricordato che quel giorno centinaia di migranti avevano sfondato il cordone formato dalle forze di polizia per dirigersi verso la cittadina vicina di Szeged. Laszlo era dietro agli ufficiali di polizia e aveva filmato la fuga dei migranti. “Mentre filmava la reporter ha sferrato un calcio negli stinchi ad un giovane uomo e ha colpito una ragazza al ginocchio”, hanno detto i magistrati in un comunicato. Non c’è però evidenza di un reato motivato da “considerazioni etniche” o dallo “status di migranti delle vittime”, hanno precisato.

Allo stesso tempo, però, sollevano la giornalista dall’accusa che aveva fatto esplodere il caso: non sarebbe stata infatti la reporter ad aver colpito Osama Abdul Mohsen e suo figlio Zaid. “Laszlo – dicono gli inquirenti – ha dato un calcio all’uomo, ma non lo ha colpito. L’uomo è caduto perché un poliziotto ha cercato di fermarlo, facendogli perdere l’equilibrio”. Dopo la vicenda Abdul Mohsen, allenatore di calcio di origini siriane, si è trasferito in Spagna dove ha trovato impiego presso la Scuola nazionale degli allenatori di calcio. E il figlio Zaid ha incontrato il suo idolo, il giocatore del Real Madrid Cristiano Ronaldo.

L’anno scorso la giornalista aveva detto al quotidiano Magyar Nemzet di provare rimorso per ciò che aveva commesso: “Sono sotto choc per quello che ho fatto e per quello che è stato fatto a me. Non sono senza cuore o razzista. Sono una donna, madre di bambini piccoli, che ha appena perso il posto di lavoro e che ha sbagliato in preda al panico”.

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Regeni, da Cambridge documenti a Roma. Nuovo vertice tra pm di Roma e il Cairo

next
Articolo Successivo

Parigi, morto uno studente italiano in Erasmus: “Si è suicidato”

next