“Se uno lo astrae dal M5S, per un partito normale la vicenda della giunta Raggi sarebbe normale”. Così il direttore del Tg La7 Enrico Mentana, ospite a In Onda su La7, parla della bufera politica che si sta abbattendo sul Campidoglio e sul neo sindaco Virginia Raggi. Mentana critica la versione del commissario straordinario romano del PD Matteo Orfini, secondo cui la giunta Raggi sarebbe circondata da un pezzo della destra romana, di cui l’assessore all’ambiente Paola Muraro sarebbe un’espressione: “Quando qualcuno di noi chiama l’idraulico nessuno di noi chiede se è di destra o di sinistra, l’importante è che non goccioli più il rubinetto. Il vero peccato originale del M5S – continua Mentana – è che pur sapendo di essere i probabili vincitori a Roma, non sono arrivati in tempo con una squadra, pagando un lungo scotto al noviziato”. Poi conclude: “Il problema dei 5 stelle è che non sanno fronteggiare le emergenze e quella dei meccanismi decisionali, perché non si sa chi decide. Devono scegliersi una strada perché tutte le volte è come se fosse il primo giorno di scuola

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Meli (Corriere) vs Senaldi (Libero): “Raggi si dimetta”. “Pure Renzi ha mentito su Pil e non si è dimesso”

prev
Articolo Successivo

Crisi Raggi, Marco Travaglio: “Errore M5S? Non hanno colto occasione Pizzarotti e Quarto per stabilire linee di condotta”

next