“La campagna era sbagliata ma la finalità era buona”  Così il ministro della sanità Beatrice Lorenzin a L’aria D’estate su La7, risponde alle critiche suscitate dalla campagna di sensibilizzazione sulla fertilità, dopo il passo indietro arrivato anche sui social network: “Sono necessarie politiche sulla natalità – dice il ministro – è un lavoro da fare da qui a 20 anni, ma la fertilità è un tema che non si può ignorare. Io da ministro della Salute pongo il tema sanitario e dico che ognuno deve fare il suo. La fertilità non si cura con l’asilo nido, è un problema di salute e noi abbiamo il compito di proteggere la capacità riproduttiva degli italiani”. “Il problema è confondere natalità e fertilità ma la fertilità è salute. Abbiamo speso 28mila euro per le cartoline. Rifaremo la campagna gratis. Comunque chi ha fatto gli spot sulla fertilità non aveva nessuna intenzione di offendere”

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Roma, Travaglio sui problemi della giunta Raggi: “M5S? Pasticcioni in buona fede”

prev
Articolo Successivo

Unioni gay, Adinolfi: “Sbagliato equiparare le famiglie. Comunità Lgbt lucrano potere e carriere politiche”

next