“Coloro che non hanno diritto di rimanere devono tornare a casa”. Ha toccato anche il tema dei migranti la cancelliera tedesca Angela Merkel, nel corso della conferenza stampa con il premier Matteo Renzi, nella sede Ferrari di Maranello. “Non tutti coloro che sono arrivati lo scorso anno in Germania – ha chiarito la Merkel – potranno rimanere. Noi dobbiamo rispettare i nostri impegni umanitari, ma chi non ha diritto deve tornare. Altrimenti non riusciremo a fare ciò che è necessario per i rifugiati che vengono dalle guerre civili”. Proprio in questi giorni, sulle coste italiane, c’è stata una nuova ondata di sbarchi, con oltre 13 mila arrivi dall’inizio della settimana. “L’Europa – ha aggiunto Renzi – può e deve intervenire di più in Africa, dobbiamo investire insieme in cooperazione internazionale e aiutarli a casa loro davvero”. Noi, ha aggiunto, “non rinunceremo mai a salvare una vita umana. Poi, non tutti hanno diritto di stare e qualcuno dovrà tornare a casa. Ma bisogna salvaguardare la dimensione umana dell’Europa”  di Giulia Zaccariello

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Roma, direttore Atac minaccia le dimissioni. “Ingerenze esterne”. I 5 Stelle: “Irresponsabile, cerchiamo un sostituto”

prev
Articolo Successivo

Fertility Day, la sterile campagna del ministero della Salute

next