Le slide rivendicano il calo del deficit dal 3 al 2,4% del pil e la riduzione del “costo” dei titoli di Stato decennali (si tratta ovviamente del tasso di interesse pagato a chi li compra, che è un costo per lo Stato). Quest’ultimo dato non può però essere ricondotto alle politiche del governo: è effetto diretto del programma di acquisto di titoli avviato nel marzo 2015 dalla Banca centrale europea. Di sicuro avrà però un effetto positivo sul costo del servizio del debito pubblico. Sul cui ammontare le slide sorvolano, nonostante si tratti di un dato cruciale visto che il suo ammontare riduce enormemente il margine di manovra dell’esecutivo sui conti pubblici zavorrando la crescita. Ebbene, il debito purtroppo non smette di aumentare: nel febbraio 2014 era a quota 2.107,2 miliardi di euro, a giugno 2016 ha toccato un nuovo record salendo a 2.248 miliardi: 141 miliardi in più. Palazzo Chigi e il ministero del Tesoro hanno concordato con l’Unione europea di ridurlo al 132,4% del prodotto interno lordo, ma questo risultato appare a rischio visto che la crescita è inferiore alle previsioni. Lo stesso vale per l’indebitamento netto (deficit) rispetto al pil.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Crescita, l’economista: “Irrituali e controproducenti le pressioni del Tesoro a pochi giorni da diffusione dei dati Istat”

next
Articolo Successivo

Gasdotti, per aggirare l’Ucraina ora Mosca punta sull’Europa centro orientale. E le ambizioni italiane riprendono quota

next