Bertolaso è stato il capo della Protezione Civile per 10 anni in cui ha aiutato persone come Angelo BalducciDiego Anemone, i grandi eventi come i mondiali di nuoto e il G8 alla Maddalena, ed è drammatico che Bertolaso sorrida con i morti sotto le macerie”. Così il giornalista Fabrizio Gatti (L’Espresso), ospite insieme all’ex sottosegretario del governo Berlusconi ed ex candidato sindaco di Roma per Fi, Guido Bertolaso a In Onda (La7), si scaglia contro l’ex capo del dipartimento della Protezione Civile: “In questi 10 anni di pace la Protezione Civile di Bertolaso è passata da 320 dipendenti a 800, gran parte assunti ad personam e si perso quello che si poteva fare”. “Io mi ricordo 10 anni di guerra e quello che sta raccontando è in mano alla magistratura che fino ad oggi non ha emesso una sentenza – replica Bertolaso -. Io ricordo il miliardo di euro stanziato per l’emergenza a l’Aquila proprio per la prevenzione, e questi sono gli unici soldi stanziati senza essere spesi”. Infine conclude citando il giudizio dell’ex presidente della Repubblica Giorgio Napolitano: “Nel giugno del 2012 ha conferito la terza medaglia d’oro alla Protezione Civile guidata da me”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Terremoto, Padellaro: “Unità nazionale? Retorica insopportabile. Giornali devono farsi domande”

prev
Articolo Successivo

Referendum, Travaglio vs Bonaccini (Pd): “Riforma coerente con i programmi degli ultimi 20 anni”. “Anche Senato non elettivo?”

next