La giunta comunale di Roma approva il bando per riqualificare le periferie, previsti 18 milioni per bike-sharing, decoro, verde, progetti per risanare il tessuto urbano decentrato della città. A margine è la stessa sindaca Virginia Raggi ad aggiornare la stampa sulle novità. “Ringrazio tutti gli uffici che hanno lavorato ad agosto senza andare in ferie per preparare i bandi, noi abbiamo fatto il nostro, adesso la palla passa al governo che dovrà vagliare i diversi progetti” ha spiegato. Sui maxi-stipendi come quello del capo di Gabinetto Carla Romana Raineri, la poca trasparenza sugli emolumenti dello staff e le polemiche sulle nomine di ‘amici di merenda’, come Salvatore Romeo a capo segreteria politica e il collega dell’Istat di Daniele Frongia, sollevate da Francesca De Vito, presidente di municipio e sorella del presidente d’Aula Marcello De Vito, Raggi liquida il tutto con poche parole: “Lascio a voi queste ricostruzioni fantasiose, non c’è nessun mal di pancia dei consigliere o della base, siamo a lavoro per Roma lo dimostrano questi bandi e i cittadini sono con noi”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Terremoto Centro Italia, l’abbraccio tra Renzi e il pompiere: il patto che il premier non può tradire

next
Articolo Successivo

Terremoto Centro Italia, Cdm stanzia i primi 50 milioni e Renzi lancia Casa Italia: “Un piano condiviso, nessuna new town”

next