Ha dovuto camminare con il corpo della moglie morta sulle spalle per più di dieci chilometri. E’ accaduto in un ospedale nel distretto di Kalahandi in India, dopo che la 42enne Amang Dei, in trattamento per la cura della tubercolosi, non ce l’ha fatta. Suo marito, Dana Majhi, senza mezzi di sussistenza, si è visto rifiutare dalle autorità ospedaliere il trasporto in ambulanza fino al suo villaggio, lontano ben 60 chilometri. L’uomo ha avvolto la moglie con dei panni e l’ha portata sulle spalle, accompagnato dalla figlia dodicenne. Una troupe locale lo ha rintracciato dopo dieci chilometri di cammino. La notizia ha suscitato lo sdegno delle autorità locali. L’associazione umanitaria Harishchandra Yojana, che si occupa dell’assistenza ai poveri, insieme alla Croce Rossa è riuscita ad organizzare il trasporto in ambulanza e a fornire l’assistenza necessaria alla famiglia. Oltre un terzo degli indiani – l’equivalente dell’intera popolazione degli Stati Uniti – vive al di sotto della soglia minima di povertà, la quota minima di sopravvivenza stabilita in 1,25 dollari al giorno. Il 33% di tutti i poveri del pianeta risiede in India

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Siria, 350 soldati turchi oltre il confine. I curdi: “Ankara vuole colpire noi, non l’Isis” – FOTOGALLERY

prev
Articolo Successivo

Siria, scontri fra curdi e governativi mentre Ankara passa il confine. Media: “E’ il nuovo asse Erdogan-Mosca-Assad”

next