Continua la battaglia del vescovo di Noto contro Pokémon Go: monsignor Antonio Staglianò ha annunciato di esser pronto ad avviare un’azione legale nei confronti del gioco, definito da lui stesso “diabolico” e “costruttore di cadaveri ambulanti”. Il monsignore ha già parlato con due suoi amici avvocati, ai quali ha chiesto “di pensare la fattispecie della denuncia“; l’obiettivo del vescovo è quindi di trovare un qualsiasi motivo attraverso il quale attaccare il gioco che, sempre secondo le sue parole, “crea dipendenza a un sistema totalitaristico che è pari a quello nazista“.
Ma quali sono i rischi che si corrono giocando a Pokémon Go? Secondo Staglianò la posta in gioco è molto alta: “C’è in campo la sicurezza sociale degli uomini e delle donne della Terra da preservare”, ha avvisato lo stesso monsignore.

Il vescovo di Noto ha raggiunto più volte gli onori della cronaca per le sue iniziative alquanto singolari: prima della battaglia contro il videogioco, erano diventati virali i video delle sue performance canore durante le cerimonie, nelle quali aveva interpretato le canzoni di artisti contemporanei come Mengoni e Rocco Hunt.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Terrorismo, gip Milano rinnova custodia cautelare per siriano Mahmoud Jrad

next
Articolo Successivo

Ventimiglia, 600 migranti al centro di transito. Cri: “Progetto innovativo. Nostra missione è accoglienza”

next