“La trasmissione Politics, su Rai Tre, al posto di Ballarò? Innanzitutto, lo spot dimostra qual è la scelta sull’informazione della Rai. E’ clamoroso e molto grave averlo mandato in onda. Io sono davvero stupito dalla stupidità“. Sono le parole pronunciate ai microfoni di Radio Popolare da Carlo Freccero, ex direttore di Rai Tre e membro del Cda Rai, a proposito del programma Politics, in onda il 6 settembre prossimo al posto di Ballarò, con la conduzione di Gianluca Semprini. “Ma poi” – aggiunge – “tu sai di essere un osservato speciale, sai che la scelta di sostituire Ballaro’ e’ stata contestata dal punto di vista politico, sai che tutti ti attendono al varco e che fai? Uno spot così? E’ clamoroso. A parte il fatto che la linea editoriale del programma pone dei grandi interrogativi, perché non è un talk show, bensì un sondaggio. Quindi, non è un programma di approfondimento giornalistico, ma un sondaggio in diretta. Un sondaggio che abbiamo già visto e che propende per il SI’ al referendum costituzionale. Mi sembra veramente troppo“. E sottolinea: “Questo spiega la concezione di come si fa informazione oggi su Rai Tre. Abbiamo una Rai per il SI’. E infatti l’unico direttore che non è saltato è quello del Tg1, colui che non ha rispettato la par condicio tra il SI’ e il NO. E’stato premiato”. Freccero poi ricapitola: “Riguardo a Politics, ci sono tre elementi. Uno: clamoroso l’errore dello spot, un errore di una stupidità totale. Due: la missione editoriale del programma, un sondaggio. Incredibile. E terzo: il cambiamento del nome. Politics non può andare bene per una rete come Rai Tre. E il fatto stesso che venga cambiato, lo indebolisce. Complimenti. Ottima partenza

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Lotta al terrorismo: la ricetta francese, un’iniziativa globale per bandire la crittografia

next
Articolo Successivo

L’Espresso e il ritratto di Dario Fo, come ti distruggo fingendo di elogiarti

next