Diciamolo, una cerimonia formidabile, nonostante i problemi di budget. Veramente bella e coinvolgente anche sul piano emotivo e ricca di buone intenzioni e attenzioni ai problemi planetari, come l’esclusione, la necessità di impegno sociale, il riscaldamento globale. Come al solito i problemi sono da un’altra parte e l’euforia del momento serve, come sempre, a nasconderli.

Alcuni numeri, tanto per chiarire. La riuscita della spettacolare cerimonia è dovuta al coinvolgimento di decine di migliaia di persone. Determinanti i volontari. Ma molti di più militari e poliziotti impiegati nelle strade, 87.000. Circa 45.000 spettatori nel Maracanà, dunque circa lo 0,00007% della popolazione mondiale. Dunque, con 3 miliardi di spettatori nel mondo (secondo stime di massima) più che altro, come al solito, un fenomeno mediatico. Ma il bello è che, anche così, la maggioranza sul pianeta, ovvero circa 4,4 miliardi di persone non è stata affatto coinvolta, o perché non era interessata o perché non ha potuto. Dunque qualcosa non torna.

Ma visto che i valori, così come le emozioni, celebrati nella cerimonia sono senz’altro condivisibili qual è il punto? Forse la corruzione e l’egoismo?

Il budget di circa 4,6 miliardi di dollari spesi per le Olimpiadi brasiliane viene polverizzato dal costo annuale della corruzione nello stesso paese secondo recenti stime rese note da Rede Globo: 78 miliardi di dollari l’anno. A tanto ammonta la ruberia dei ladroni che hanno sviato all’estero i soldi del paese e dei brasiliani. Mentre molti di loro vivono letteralmente nella polvere.

Ora, se si è così bravi da scatenare emozioni simili per quattro gatti, perché non farlo per tutti, come dovrebbe essere secondo le buone intenzioni sventolate a destra e a sinistra? Semplice: perché i 4,4 miliardi esclusi dalla cerimonia non servono. Non servono agli sponsor, non servono ai politici, non servono al circo mediatico. Al limite servono per essere munti, come i milioni di lavoratori sottopagati, magari in nero, in Brasile, o per essere sterminati per impossessarsi delle loro terre, come gli indios.

Quindi attenzione: quando il cuore vi batte forte per le emozioni scatenate da bravi coreografi e tanti partecipanti che se la passano bene, ricordatevi che purtroppo gli esclusi, come al solito, sono molti di più. E nella confusione dell’euforia globale, gli immancabili ladri corrotti continuano ancora di più a fare i propri porci comodi.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Olimpiadi 2016, spari nella favela di Complexo de Chapadao: il tedoforo scappa con la torcia (VIDEO)

next
Articolo Successivo

Renzi alle Olimpiadi di Rio 2016, campione di presenzialismo (e menefreghismo)

next