“Faremo un piano di riorganizzazione dell’azienda come di tutte le partecipate del Comune. Saranno piani molto radicali, perché se non si parte da qui, non si potranno davvero migliorare le cose”. Così Gianluca Perilli, consigliere regionale del Lazio e membro del mini direttorio romano M5s, parlando di Ama, la municipalizzata che si occupa di rifiuti, a poche ore dal primo incontro ufficiale con il governatore del Lazio Nicola Zingaretti e la sindaca di Roma Virginia Raggi. Perilli difende poi la nomina del nuovo ad dell’Ama, Alessandro Solidoro, presidente dell’ordine deicommercialisti di Milano e specializzato in crisi di impresa. “L’azienda – dice Perilli – va risanata, dobbiamo eliminare sprechi ed inefficienze”. Sulle polemiche che, invece, investono la neo assessora Paola Muraro commenta: “Non credo che un consulente possa avere responsabilità aziendali, noi abbiamo piena fiducia nell’assessore, chi ci accusa è il protagonista principale del disastro di Ama a Roma. Basta con le polemiche pretestuose, giudicateci da oggi e dal lavoro che faremo per risolvere l’emergenza dei rifiuti a Roma. E il dialogo con la Regione su questo è fondamentale”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Nomine Tg Rai, Tecce (Il Fatto) vs Migliore (Pd): “Diktat di Palazzo Chigi”. “Vedi l’ombra nera di Renzi ovunque”

prev
Articolo Successivo

Senato, Palazzo Madama dice sì all’arresto di Antonio Caridi: 154 favorevoli, 110 contrari e 12 astenuti

next