A un anno dalla chiusura per quattro mesi del Cocoricò di Riccione, imposta dalla Questura di Rimini dopo la morte per overdose del sedicenne Lamberto Lucaccioni, siamo tornati nel locale romagnolo per vedere che cosa è cambiato. Facciamo finta di voler comprare droga: i controlli, come promesso dai gestori dopo la tragedia, sembrano aumentati e i minorenni non entrano. Ma la droga continua a girare e dentro la sala imbattersi in uno spacciatore è abbastanza semplice. C’è chi offre Mdma: “Quale vuoi 30 o 50?”. “È cosa buona?”, chiediamo. “Spacca in due”. Un altro ci fa altre proposte. Sempre per l’Mdma: “C’ho i pezzi da 40 e 60. Quanta ne vuoi?”. Un altro ragazzo ci propone della ketamina e ci chiede se abbiamo cocaina per lui. Fuori dai cancelli del locale stesso copione con un altro pusher: “Ho erba, ketamina, cocaina“. La proprietà del locale contattata da il Fatto Quotidiano ha scelto, per il momento, di non replicare (leggi l’articolo integrale)

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Strage di Bologna, 36 anni dalla bomba. Sindaco Merola: “Arrivare ai mandanti” Mattarella: “Manca ancora piena verità” (FOTO-VIDEO)

next
Articolo Successivo

Rimini, personale medico e di prevenzione: “Droga? Molti i minorenni intossicati gravi da metanfetamine”

next