“Il mio capo mi aveva dato la radio per farmela riparare, ma era troppo pesante e l’ho abbandonata vicino al cestino”, così si è giustificato l’uomo sudamericano che, lunedì 25 luglio, aveva creato un falso allarme bomba alla Stazione centrale di Milano, causando l’interruzione dei trasporti per alcune ore. Secondo quanto riporta il Corriere.it, il “colpevole”, fermato dalla Digos al termine delle indagini avviate dopo il falso allarme, avrebbe detto agli agenti di “non essersi davvero reso conto delle possibili conseguenze” dichiarandosi “mortificato per l’accaduto e per i problemi che ho creato”. All’interno della scatola sospetta son stati ritrovati: una radio, un trasformatore, una batteria e alcuni fili elettrici, i quali hanno fatto subito pensare a un “gesto con finalità allarmistiche“.
La Procura ha confermato che il gesto sia stato una leggerezza, senza alcuna altra finalità: infatti i poliziotti hanno trovato molti riscontri esterni che danno credibilità alla ricostruzione del sudamericano.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Bari, nuovo arresto per il capoclan Campanale. Nel 2015 vendicò l’omicidio del padre uccidendo Nicola Lorusso

prev
Articolo Successivo

Manovra pirata in autostrada, Polstrada ferma tir sulla A10: guardate dove si ferma

next