E’ fiducioso Benedetto Della Vedova, il senatore facente parte dell’intergruppo parlamentare promotore della legge sulla legalizzazione del consumo di cannabis e dei ‘cannabis social club’ oggi in discussione per la prima volta alla Camera. “E’ evidente che il fronte del no sarà forte e compatto, hanno scelto la strada dell’ostruzionismo con i 2000 emendamenti, ma questo è un momento storico importante, la legge vuole tutelare la salute di tutti i cittadini, non solo di chi consuma marijuana”, ribatte ai proibizionisti. E ai centristi, soprattutto quelli di Ncd che si dicono pronti a dar battaglia, ricorda: “Il consumo incontrollato in mano alle narcomafie è la conseguenza del mercato libero e illegale oggi vigente”. Infine, a chi si preoccupa che la proposta di legge non sopravviva oltre la legislatura: “E’ una legge parlamentare, non c’entra nulla con la sopravvivenza del governo, 200 deputati sono a favore, 90 del Pd hanno firmato il documento congiunto, c’è una forte propensione ad approvare questo testo ad ottobre”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Cannabis, ddl in Aula. Della Vedova: “La partita è aperta”. Il ministro Costa: “Statalizzare lo spaccio è perverso”

next
Articolo Successivo

Referendum costituzionale, i renziani a lezione dal guru di Obama: “Si vince solo con migliaia di volontari”

next