“Non esiste nessun dossier contro De Vito, è gossip, sono cose inventate”. Così Daniele Frongia (M5S), neo capo di Gabinetto della squadra della sindaca Virginia Raggi, sugli articoli de Il Fatto Quotidiano e i dossier interni contro il consigliere Marcello De Vito, uscendo dal Campidoglio insieme all’assessore in pectore all’Urbanistica, Paolo Berdini. C’è stata una riunione a dicembre tra i tre consiglieri contro De Vito, avete presentato un parere legale, chi era l’avvocato a cui avete chiesto questo parere su cui si basa l’accusa di abuso d’ufficio del vostro collega? Perché non avete proseguito poi con una denuncia? “Sì una riunione tra Qui, Quo, Qua” replica ironico Frongia ai microfoni de ilfattoquotidiano.it. Sulle polemiche legate alla sua nomina e a quella del vice Raffaele Marra non risponde. “Sarà vice sindaco o resterà capo di Gabinetto? Ma sono domande a random – afferma Frongia alle nostre telecamere -, come le piace più il tennis o il rugby? Aggiungiamo anche il terzo ruolo? Siamo già partiti con il lavoro, il 7 luglio ci sarà il primo consiglio comunale, pensiamo alla città”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Direzione Pd, Renzi: ‘Non mi volete più segretario? Fate Congresso e vincetelo’. Cuperlo: ‘Esci da talent o sconfitta storica’

prev
Articolo Successivo

M5s, a Mira introdotti i referendum senza quorum sulle decisioni locali

next