Candreva no, De Rossi…pure. Si avvicina il quarto di finale di Euro 2016 contro la Germania in programma sabato 2 luglio a Bordeaux e per Antonio Conte arriva il primo responso sicuro: Candreva non ci sarà, l’infortunio all’adduttore non è ancora del tutto guarito e non è detto nemmeno che lo sarà in tempo anche per l’eventuale semifinale. Il responsabile dello staff medico azzurro, il dottor Castellacci, ha fatto il punto della situazione sui due infortunati: quasi sicuramente entrambi salteranno la sfida dei quarti contro la Germania. Candreva si è procurato un infortunio all’adduttore destro nella gara contro la Svezia e, nel tentativo di recuperarlo in extremis contro la Spagna, l’esterno azzurro ha forzato in allenamento finendo così per peggiorare la situazione. Per quanto riguarda De Rossi, il regista azzurro è uscito dopo 60′ contro la Spagna per una botta all’anca.

“De Rossi ha subito un violento trauma contusivo alla coscia destra”, ha detto Castellacci. Il responsabile dello staff medico azzurro ha spiegato che il centrocampista azzurro “si è procurato un ematoma con una inserzione di alcune fibre del muscolo vasto laterale. Stiamo facendo di tutto”, ha detto. “Non ci poniamo delle preclusioni temporali – spiega – anche se capiamo che il problema è serio e il tempo poco”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Europei 2016, fenomenologia di Carlo Tavecchio: l’italiano medio in pensione nel gotha del calcio (col bottone che fa difetto)

prev
Articolo Successivo

Europei 2016, al via i quarti di finale: Italia, Germania e Francia contro le sorprese del calcio continentale

next