Un seggio per due. Italia e Olanda si spartiranno il mandato di membro non permanente nel Consiglio di Sicurezza Onu per il biennio 2017-2018: il primo anno a tenerlo sarà Roma, il secondo Amsterdam. E’ stato questo il compromesso cui i due Paesi sono arrivati martedì 28 giugno, nel corso di un incontro tra i ministri degli Esteri, Bert Koenders e Paolo Gentiloni, e il presidente dell’Assemblea Generale Mogens Lykketoft.

Una scelta rarissima, che è giunta dopo cinque fumate nere e una maratona diplomatica iniziata alle dieci del mattino. Fino a tarda sera, infatti, nessuno tra Italia e Olanda aveva raggiunto il quorum di 128 voti per il secondo seggio non permanente in Consiglio di Sicurezza del gruppo dell’Europa Occidentale: alla quinta votazione consecutiva entrambi gli Stati avevano ottenuto 95 voti. Per questo il presidente dell’Assemblea Generale Mogens Lykketoft ha sospeso la seduta per 20 minuti e ha permesso alle delegazioni di continuare le trattative dietro le quinte.

“La proposta di dividere il seggio in Consiglio di Sicurezza tra Italia e Olanda è nata a New York su iniziativa italiana dopo il pareggio 95 a 95 in Assemblea Generale e dopo che gli olandesi avevano mostrato segnali di apertura”, ha fatto sapere il ministro degli Esteri Paolo Gentiloni. Che ha aggiunto: “Con questa proposta vogliamo passare un messaggio di unità di due paesi europei e abbiamo preso spunto da questa parità perfetta, 95 a 95 nell’ultimo voto”. Dello stesso parere anche il collega olandese Bert Koenders, che ha fatto sapere: “L’Assemblea Generale ha inviato un chiaro segnale, riflesso nell’ultimo voto con 95 preferenze a testa, ossia che approva allo stesso modo Italia e Olanda”.

L’Assemblea Generale si riunirà oggi, mercoledì 29 giugno, alle 10 locali (le 16 a Roma) per formalizzare la proposta di Italia e Olanda. E mentre la Svezia è passata al primo turno per l’altro seggio assegnato quest’anno all’Europa Occidentale, gli altri membri eletti per il biennio 2017-2018 sono la Bolivia, passata con 183 voti per l’America Latina e Caraibi, l’Etiopia con 185 per l’Africa, e il Kazakistan, eletto con 138 voti per l’area Asia-Pacifico.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Turchia, da Sultanahmet all’aeroporto: sette attentati in sei mesi

next
Articolo Successivo

Bolivia: guaranì, non chiamateli indios

next