Una porta che sbatteva in una stanza adibita a moschea è alla base, secondo la polizia, di un omicidio avvenuto in un centro profughi di Frinciana, una frazione di Piombino, in Toscana. La vittima è un pakistano di 35 anni, ucciso a coltellate da un senegalese di 34 che ora è stato arrestato per omicidio. Le indagini sono condotte dagli agenti del commissariato di Piombino. Secondo la prima ricostruzione e le testimonianze, i due migranti stavano pregando nella stanza del centro adibita a moschea quando il senegalese è uscito e, forse complice anche una corrente d’aria, ha fatto sbattere la porta. Il pakistano allora gli è andato dietro e lo ha rimproverato, innescando una discussione animata al termine della quale il senegalese ha colpito il pakistano alle spalle e gli ha procurato un’emorragia letale con un coltello da cucina che aveva con sé e che non risulta essere in dotazione al centro.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Volete scrivere una tesi sui No Tav? Prima fatevi consigliare da un legale

prev
Articolo Successivo

Omicidio Meredith, dopo 9 anni Rudy Guede lascia il carcere per 36 ore: è in una casa di accoglienza

next