“Attenzione al fascismo, è una brutta bestia, le donne sono state fondamentali nella storia, noi abbiamo avuto una gioventù disgraziata”. A Porta San Paolo a Roma per la deposizione della corona di fiori in onore dei caduti della Resistenza, i partigiani si avvicinano alla sindaca Virginia Raggi per darle dei consigli e farle un in bocca al lupo. “Ricordati dell’Anpi, ce n’è ancora bisogno, speriamo di avere occasione di parlarci”, dice Tina Costa, vicepresidente dell’Anpi provinciale. “Volentieri” si impegna la neoeletta. I partigiani si commuovono, compaiono le lacrime agli occhi. “Siamo del corpo dei carabinieri, tanti di noi si sono immolati per questa causa, con noi lei si senta sicura”, le dicono. Per le domande sulla squadra e sul lavoro arduo da fare a Roma tutto rimandato al punto stampa delle 18.00 in Campidoglio, quando la Raggi entrerà per la prima volta nell’ufficio di palazzo Senatorio

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Virginia Raggi e il mazzo di fiori di Gabriele Paolini: “Raggi di sole su Roma, auguri”

next
Articolo Successivo

Raggi, il papabile assessore Berdini: “Rom? Fare come Fassino, via i campi. Case popolari non a tutti”

next