“La squadra sarà presentata in consiglio come da regolamento, credo che il 7 luglio ci sarà la prima seduta, non abbiamo fatto marcia indietro sul codice etico, gli assessori non lo sottoscriveranno, non sono sottoposti al codice etico, lo faranno i consiglieri che sono orgogliosi di appartenere all’unica forza politica che si dota di uno strumento che impegna gli eletti a rispondere ai cittadini”. Così Virginia Raggi (M5S), sindaca di Roma nel giorno del suo insediamento in Campidoglio. Arriva in auto elettrica con alla guida Daniele Frongia, il suo possibile vicesindaco. “Sindaco o sindaca? L’accademia della Crusca – afferma la Raggi – si è espressa indicando di usare la Sindaca, non mi appassiona, chiamatemi pure Virginia”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Raggi in lacrime sul balcone del Campidoglio. L’emozione tradisce la neoeletta

next
Articolo Successivo

Brexit, rinviata la direzione nazionale del Partito democratico

next