Mancano gli ultimi verdetti prima della fase a eliminazione diretta di questi Europei. Nella parte bassa del tabellone ci sono Inghilterra, Germania, Spagna, Francia e Italia. Praticamente mancano solo gli Harlem Globetrotters, Batman e Muhammad Ali. Nella parte alta, assieme a Galles, Croazia, Polonia e Svizzera, troveranno posto anche Real Pizzighettone, Antonio Razzi, Scapoli e ammogliati. Complimenti agli organizzatori per l’equilibrio evidente della formula.

Durante l’inno spagnolo prima della sfida con la Croazia, il difensore del Barcellona Gerard Piqué pare abbia mostrato il dito medio a favore di telecamera. Gioca nel Barça, è catalano, dunque la polemica è servita: gesto indipendentista? No, stava solo ricordando il suo talento più grande: el piqueton. Citofonare Shakira. Il sito del quotidiano sportivo spagnolo Marca dà conto dell’ultima trovata di Francesca Cipriani: “Si spoglierà se l’Italia vince l’Europeo”. Praticamente ha confermato che continuerà a fare quello che ha sempre fatto. Sai che novità.

Curiosità. Domani la Gran Bretagna è chiamata a decidere attraverso il referendum se restare o meno in Europa. Per chi crede nei buoni auspici e nei segnali della sorte, intanto a Euro 2016 ha stravinto il “remain“, visto che le tre nazionali britanniche (Inghilterra, Galles e Irlanda del Nord) staccano tutte e tre il biglietto per la fase a eliminazione diretta. Incredibile! Ci sono giornali sportivi, all’estero, che fanno titoli più ridicoli di quelli italiani. Il Mundo Deportivo stamattina titolava “Tremendic“, per commentare la sconfitta contro la Croazia della Spagna. Per fortuna le furie rosse non hanno perso contro l’Islanda, perché Tremendafsson non sarebbe stato altrettanto efficace. Italia e Spagna si incontreranno all’Europeo per la terza edizione consecutiva. Nel 2008 fummo eliminati ai quarti, ai rigori. Nel 2012 ne prendemmo quattro in finale. Toccatevi. Tranquilli, lo stiamo facendo anche noi.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Europei 2016, guardare la partita dell’Italia? Meglio gli spogliatoi. Razzisti in libertà su Whatsapp

prev
Articolo Successivo

Europei 2016, Italia-Irlanda? Nella lista delle armi di distruzione di massa vietate

next