Sei giorni, 323 arresti. I veri protagonisti della prima settimana degli Europei di Francia sono stati i tifosi. Non quelli che hanno affollato gli stadi in occasione delle partite, bensì gli hooligans, russi e inglesi su tutti, che hanno creato il caos nelle città che ospitano la competizione. Marsiglia, Lilla, Lens le tappe della barbarie, il cui bilancio è stato fornito dal ministero degli Interni francese: 323 ultras fermati, di cui 196 sono ancora agli arresti in attesa di giudizio. Tutti i provvedimenti sono avvenuti a seguito di episodi di “violenza, rapina o danneggiamento di beni”. Undici dei fermati sono già stati giudicati e a otto di loro sono state imposte pene detentive. Altre 24 persone sono state espulse dal Paese e “queste azioni continueranno durante tutto il torneo”, ha fatto sapere il ministero. In particolare, secondo quanto scritto da Le Monde, per venti tifosi russi protagonisti degli scontri a Marsiglia, la prefettura di Bouches-du-Rhone ha firmato un ordine di espulsione dalla Francia. Si tratta di persone con età compresa tra i 25 e i 40 anni e contro i quali non c’è al momento nessun accusa penale. I 20 lasceranno la Francia lunedì.

Questi i dati. La cronaca, invece, è in continuo aggiornamento: almeno 36 persone sono state arrestate e 16 sono state portate in ospedale dopo gli scontri a Lille tra tifosi e agenti, secondo quanto ha fatto sapere la polizia regionale in un comunicato. Agenti antisommossa hanno usato gas lacrimogeni e spray al pepe per disperdere gli hooligan inglesi ieri sera, alla vigilia della partita tra Inghilterra e Galles per Euro 2016 che si gioca oggi. Le autorità avevano imposto restrizioni al consumo di alcol e la polizia presidiava le strade della città per evitare il ripetersi delle violenze tra tifosi inglesi e russi a Marsiglia. Poco dopo la mezzanotte degli hooligans hanno però improvvisamente cominciato a scacciare persone del posto che festeggiavano la vittoria della Francia sull’Albania. La polizia si è subito mobilitata per disperdere gli ultrà. In particolare, secondo alcune testimonianze, gli hooligans inglesi hanno messo in campo una sorta di caccia all’uomo per vendicarsi degli ultras russi.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Euro 2016, ancora violenza a Lille. La polizia usa i lacrimogeni contro gli hooligans: 36 arresti

next
Articolo Successivo

Italia – Svezia, ottavi a portata di mano: c’è da battere Ibrahimovic & Co. La strategia di Conte: “Bisogna attaccarli” – Video

next