E’ indagato per omicidio volontario e spaccio di sostanze stupefacenti il pusher che ha dato la droga a Sara Bosco, la 16enne trovata morta in un padiglione dismesso dell’ospedale Forlanini di Roma l’8 giugno scorso. In un primo momento si indagava per istigazione al suicidio, oggi il pm Antonino Di Maio ha modificato il tipo di reato e c’è un primo indagato. Attraverso gli esami tossicologici, si cerca di capire quale sostanza ha provocato il decesso della ragazza.

Secondo i primi risultati dell’autopsia la ragazza non era affetta da alcun tipo di patologia e da tempo aveva avviato un percorso di disintossicazione. Nei giorni scorsi il magistrato ha ascoltato la madre la cui versione dei fatti è al vaglio degli inquirenti perché presenta alcune incongruenze. Intanto questa mattina sono stati sgomberati dalla polizia i padiglioni abbandonati dell’ospedale Forlanini di Roma.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Salvatore Parolisi, Corte di Cassazione conferma la condanna a 20 anni

prev
Articolo Successivo

Teramo, uccide uomo con una coltellata al cuore dopo una lite nel traffico. Fermato

next