Al fischio d’inizio contro il Belgio, l’Italia avrà addosso ancora i gradi di vice-campione conquistati quattro anni fa. Sembra passata un’era, invece era solo il 2012. Neanche in Polonia e Ucraina gli azzurri partirono con i favori del pronostico e raccolsero appena due pareggi nelle prime due partite, contro Spagna e Croazia. Poi cambiò tutto e fu finale. Ora il presidente Carlo Tavecchio, l’uomo che con l’ingaggio di Antonio Conte aveva promesso il grande rilancio della nazionale, dice che l’Italia è in Francia per vincere. Il commissario tecnico vola più basso, Gianluigi Buffon ricorda come i miracoli del pallone di casa nostra siano sempre nati quando nessuno ci credeva.

Eppure questa volta viene più difficile crederci, perché la crisi dell’Italia è profonda. E siccome la fortuna è cieca, ma la sfiga – sua antagonista – ci vede benissimo gli infortuni hanno privato Conte di Claudio Marchisio e Marco Verratti, eredi designati al comando delle operazioni dopo la rinuncia ad Andrea Pirlo. Due uomini di peso e dai piedi buoni, i centrocampisti di Juventus e Paris Saint Germain. Gli unici in un gruppo che giocoforza dovrà forgiare il suo cammino attraverso altre qualità. La disciplina tattica, prima di tutto. E poi corsa e capacità di mutare. Ecco perché a due anni dalla sua nomina, diviene centrale il ruolo di Conte, bravo da allenatore a moltiplicare le potenzialità delle sue squadre, cavandone il meglio. “Non posso fare miracoli”, ha però avvertito.

Non è quello che gli viene chiesto, ma in fondo ci sperano tutti. Ciò che non si può mettere in discussione è il passaggio agli ottavi, dove accedono le migliori due di ogni girone e le migliori terze. Un obiettivo minimo inderogabile per il prestigio e per la qualità, non più quella di una volta ma non ancora scomparsa del tutto. La base – e Conte lo sa bene – parla bianconero. Buffon, Chiellini, Bonucci, Barzagli saranno il mastice che dovrà sorreggere tutto il resto e supportare un centrocampo orfano dei suoi talenti. Serve molta testa e bisogna evitare i barocchismi, mai stati utili nella storia della nazionale e men che meno adatti a una mediana affidata con ogni probabilità – almeno contro il Belgio – a Thiago Motta o in alternativa a Daniele De Rossi, uno dei pochi campioni del mondo ancora in gruppo pronto a portare esperienza e inserimenti.

La chiave numero due per scassinare il girone tentando l’assalto al bottino grosso, evitando Francia (da incontrare come terza) e Portogallo, avversaria designata in caso di secondo posto, è la corsa. Qui le armi non mancano, soprattutto a destra dove Antonio Candreva riesce sempre a pungere quando veste d’azzurro. Sulla sinistra toccherà a El Shaarawy confermare quanto visto nei sei mesi in giallorosso, con Insigne pronto a portare genio e velocità a partita in corso. Questo sembra il ruolo cucito addosso allo scuzzigno napoletano, a Giaccherini e Bernardeschi, per un’Italia che dovrà saper cambiare faccia molte volte non avendone una ben definita.

Mascherarsi per non farsi riconoscere, attaccare a folate per evitare le difese schierate che gli azzurri soffrono maledettamente non riuscendo a sfruttare quei (pochi) gol portati in ritiro a Montpellier da Conte, la vera nota dolente dell’avventura francese. Tra Eder affogato nel marasma interista del 2016 e Zaza usato con il contagocce nella Juve oltre ad avere qualità di rottura più che di affidabilità sui 90 minuti, restano Immobile e Pellè. Ci sarebbe potuto essere Leonardo Pavoletti, il miglior italiano di questa stagione con 14 gol. Non sono bastati per convincere Conte, certo di aver fatto la scelta giusta. Del resto questo è il suo Europeo, quello di un commissario tecnico che lascerà subito dopo la nazionale e viene da due anni di odi et amo con la federazione. Se deve graffiare, segnando la storia dell’Italia, è questo il momento. Con o senza attaccanti. Si inizia contro il Belgio, nazionale di grande qualità dal centrocampo in su ma sbarcata Oltralpe con una difesa decimata. L’esatto contrario dell’Italia. Se i gradi di vice-campioni hanno ancora un senso, lo capiremo subito.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Europei 2016, tutte le falle nei dispositivi di sicurezza che hanno consentito agli ultras di devastare Marsiglia

next
Articolo Successivo

Belgio-Italia: Conte sceglie Pellè-Eder e punta tutto sul gruppo per contenere il talento di Hazard e De Bruyne

next