Dall’aiuto per i disabili all’assistenza agli stranieri, dalle iniziative per i poveri alla cura degli animali, dalle attività per la tutela dell’ambiente al sostegno a donne e anziani. Ci sono proprio tutti i volti del volontariato nella prima iniziativa di documentazione fotografica “Tanti per tutti. Viaggio nel volontariato italiano”, a cura della Fiaf (Federazione italiana associazioni fotografiche) e del Csvnet (Coordinamento nazionale dei centri di servizio per il volontariato).

Da Nord a Sud Italia, da febbraio a dicembre 2015, 700 fotografi hanno raccolto quasi 10mila scatti di “belle storie”, vivendo giorno per giorno assieme a quelle persone che hanno deciso di donare gratuitamente parte del proprio tempo per una buona causa: 300 di questi autori, poi, sono stati selezionati e più di 1400 delle fotografie che hanno realizzato verranno presentate in occasione dell’inaugurazione della mostra nazionale di sabato 11 giugno, al Centro italiano della fotografia d’autore a Bibbiena, in provincia di Arezzo. In contemporanea verranno inaugurate oltre 150 mostre locali in tutta Italia sullo stesso tema.

Un progetto che ha come obiettivo quello di accendere i riflettori su una parte importante della società, presente sul territorio e vicina alle persone: “Riteniamo che il mondo del volontariato necessiti di attenzione – ha commentato il presidente della Fiaf – tanto che la stessa Federazione e tutte le sue strutture di contorno vivono dell’attività di numerosi volontari che donano tempo, lavoro e competenza alla comunità degli appassionati di fotografi. Quindi chi meglio di noi può inserirsi dentro il mondo del volontariato e cercare di portare alla luce il suo valore? Da questa domanda è nata l’idea del progetto nazionale”. E così, dopo avere individuato le associazioni disponibili a fare entrare i flash nelle loro attività, i fotografi hanno iniziato a scattare foto, frequentando i luoghi di incontro e conoscendo la programmazione delle attività, oltre alla loro realizzazione.

Le immagini raccontano così le storie di piccole associazioni e di grandi realtà sociali come la Croce Rossa, la Protezione Civile e il mondo di Avis, di centri che si occupano di sport come il Cai e che aprono le porte del basket, dell’atletica, della vela, dell’hockey, del nuoto, dell’equitazione e dell’automobilismo a coloro che sono affetti da disabilità, o che si occupano di offrire il loro supporto per l’organizzazione di eventi sportivi di grande importanza, come le Paraolimpiadi. E ancora la tutela del patrimonio storico-artistico, la presenza dei volontari nella realtà delle carceri e nel sostegno alla lotta contro le dipendenze, l’aiuto ai giovani e le attività di supporto verso i più piccoli.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“Generazione dell’eccesso”: gli adolescenti secondo il rapporto sul monitoraggio della Convenzione diritti sull’infanzia

next
Articolo Successivo

Disabili, vi presento sua maestà l’inaccessibilità

next