Sette vigili del fuoco sono rimasti ustionati, due poliziotti e un carabiniere intossicati, mentre un altro militare ha riportato una lussazione a una spalla. Tutto è accaduto durante le operazioni di spegnimento di un incendio scoppiato alla fabbrica chimica Darmek nell’area industriale di Scarmagno, in provincia di Torino. Quattordici persone sono state inoltre ricoverate in ospedale, dove sono state curate e successivamente dimesse. Intorno alle 8 della mattina l’incendio era stato spento quasi del tutto, anche se proseguivano le operazioni di controllo di eventuali piccoli focolai sotto le macerie e nello ‘smassamento’. Le cause dell’incidente – un testimone ha riferito di avere udito tre-quattro esplosioni in serie prima che si sviluppassero le fiamme – sono ancora da accertare. Feriti lievemente anche tre abitanti del posto.

Il rogo è stato accompagnato da un’esplosione: all’interno dello stabile, in quel momento, non c’era nessuno. Due pompieri, più gravi, sono stati portati all’ospedale Cto di Torino, specializzato in gravi traumi e ustioni, gli altri tre a Ivrea, dove è stato medicato anche il militare, per una lussazione ad una spalla. Il tetto e i muri della fabbrica sono stati sventrati dall’esplosione.

(Nella foto un fotogramma del video postato su facebook dal giornale Quotidiano del Canavese)

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Palermo, distrutto giardino di casa della giornalista Dina Lauricella di Servizio Pubblico

next
Articolo Successivo

Scampia, si parla sempre dei morti. E i vivi?

next