redditi medi dichiarati dalle persone fisiche salgono del 2,2%, a 25.900 euro, a 37mila per le società di persone (+4,1%) e a 26.700 euro per le società di capitali e gli enti. L’imponibile medio degli imprenditori, categoria che comprende però chi ha un’attività in proprio e non i titolari di grandi aziende, è pari a 18.280 euro, 10% in meno rispetto al reddito complessivo medio. Quello dei dipendenti a tempo indeterminato aumenta a a 23.156 euro, +12,8% rispetto all’anno prima, mentre quello dei dipendenti nel loro complesso si ferma a 20.520. Il reddito medio da pensione si attesta a 16.700 euro, il 18% in meno rispetto alla media, mentre quello da lavoro autonomo (35.570 euro) è quasi il doppio. Sono i dati che emergono dalle dichiarazioni Irpef 2015, relative all’anno di imposta 2014.

Stando alle statistiche diffuse dal ministero dell’Economia, il 49% degli imprenditori dichiara un reddito d’impresa inferiore a 15.000 euro e solo lo 0,6% un reddito superiore a 150.000 euro. Il reddito medio di chi ha la contabilità semplificata è di 17.815 euro (+3,2% rispetto al 2013), quello in contabilità ordinaria è di 38.244 euro (+7,3% rispetto al 2013).

Il reddito medio da lavoro dipendente presenta un’elevata variabilità rispetto alla diversa natura del datore di lavoro: 9.700 euro per i lavoratori dipendenti il cui datore di lavoro è una persona fisica, 13.890 euro per i dipendenti di società di persone, 21.040 euro per i dipendenti della pubblica amministrazione, 23.630 euro per i dipendenti delle società di capitali.

L’82,6% dei circa 40,7 milioni di contribuenti Irpef detiene prevalentemente reddito da lavoro dipendente o pensione e solo il 5,9% del totale, in linea con l’anno precedente, ha un reddito prevalente derivante dall’esercizio di attività d’impresa o di lavoro autonomo. La percentuale di coloro che detengono in prevalenza reddito da fabbricati è pari al 4,2%.

In relazione all’attività esercitata, si registra il reddito medio dichiarato più elevato nel settore delle attività professionali (41.600 euro, anche se in flessione dell’1,2% rispetto al 2013), seguito dal settore delle attività manifatturiere (32.400 euro, con un aumento dell’11,7% sul 2013) e dal settore dei servizi (24.400 euro, in crescita del 3,9%), mentre il reddito medio dichiarato più basso risulta nel commercio (19.100 euro, comunque in aumento del 9%).

Le società di capitali, pur dichiarando la metà del totale dei ricavi/compensi, registrano solo il 16% del totale dei redditi. Al contrario le persone fisiche, pur dichiarando solo il 27% dei ricavi o compensi totali, registrano il 61% dei redditi totali.

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Corriere della Sera, ispezione della Consob in Mediobanca sull’offerta dei soci e di Bonomi per Rcs

next
Articolo Successivo

Enel, l’ad Starace ai dipendenti (dopo le frasi alla Luiss): ‘Ho sbagliato, quei toni e contenuti non mi appartengono’

next