Il Governo espone a www.cambierai.gov.it il questionario a cui (servono da cinque a dieci minuti) può rispondere chi vuole dare la sua piccola spinta alla definizione del nuovo Servizio Pubblico Televisivo (anzi, come si precisa oggi, “multimediale”). Nella rubrica Sciò Business, su IlFattoquotidiano.it, ne abbiamo parlato già due volte dicendo la nostra, e chi vuole confrontarsi con il nostro punto di vista può rileggere questi articoli: “le tre domande strategiche del questionario sulla Rai” e “il questionario lo ha appena fatto anche la BBC”.

Concedervi i minuti per andare sul questionario conviene anche per vedere raccolte in poco più di quaranta quesiti, e dunque raccapezzarsi diventandone con poco sforzo più esperti, pressoché tutte le questioni e gli snodi alternativi di cui si chiacchiera da anni e che ora sembrano finalmente nei pressi di una riorganizzazione legislativa. Questioni che riguardano moltissimo lo sviluppo di fondamentali, nuovi posti di lavoro, la posizione dell’Italia nel mondo della comunicazione nonché, ultimo ma non meno importante, la costruzione di un rapporto di pregiudiziale fiducia, anziché il contrario, nei confronti dell’azienda pubblica di radiotelevisione che l’Italia si ritrova insieme con praticamente tutti Paesi Europei, e altri fra i principali nel mondo.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Daria Bignardi impone il dress code per Rai3: vietati abiti sexy, tacchi alti e scollature

prev
Articolo Successivo

Festival del non giornalismo, a Milano la premiazione del non cronista dell’anno e della migliore marchetta

next