Nel 2009 avevo 23 anni e praticamente nessuna esperienza professionale come “vignettista“. Il Fatto Quotidiano era appena nato, si lavorava ai numeri zero: il giornale era ancora in rodaggio e le pagine a cui lavoravamo non uscivano in edicola. Mi hanno dato una sedia e mi hanno detto: “Tu disegna le tue vignette”.

Misi timidamente le mani avanti: non avevo mai lavorato in un quotidiano e le mie vignette erano – diciamo – “naive“: “Non so se sono in grado di reggere l’impegno”, dissi.
“Imparerai”, mi risposero.

E, infatti, eccomi qui sette anni dopo: ancora non ho imparato, ma imparerò.
Lo giuro.

ilfattosocialclub

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Come Facebook ha cambiato il M5S

next
Articolo Successivo

Il Fatto Social Club, al giornalismo serve meno pubblicità e più qualità

next