Stefano Esposito, senatore del Pd, a Radio Cusano Campus, nel programma ECG Regione, in Radio torna ad attaccare preventivamente Fedez che si esibirà a Torino in occasione della chiusura del Giro d’Italia. Ieri il senatore aveva twittato: “Il concerto, gratuito, di chiusura del #giroditalia a Torino sarà animato da @Fedez, l’artista che ha scritto inno #M5s. #Siamounagrandecittà”. La replica del cantante sempre via Twitter: “E quindi? Mi esponga il problema caro senatore”. Oggi il parlamentare dei dem ha aggiunto: “Si registra una situazione particolare, che segnalo a futura memoria. Conoscendo Fedez, noto per le sue simpatie politiche, trovarlo a fare un concerto una settimana prima della chiusura della campagna elettorale, a Torino, pagato anche con i soldi dei contribuenti – continua -, gli ho voluto far sapere che siamo una grande città aperta a tutti gli show artistici, ma che si ricordi che ci sono elezioni, quindi faccia un concerto, ma non faccia propaganda“. “Democratici sì, ma fessi no. Si ricordi che non suona per il movimento cinque stelle, ma per la chiusura del giro d’Italia, quindi – prosegue il parlamentare – ci risparmi le sue opinioni politiche. A Torino diciamo uomo avvertito mezzo salvato. Lui deve cantare. Quello è il suo mestiere. Pensate se il 29 a quel concerto avesse suonato Gianni Morandi, che è noto per essere amico di Fassino. Avrebbero cominciato a dire che c’era un complotto e che con i soldi del contribuente in occasione del giro d’Italia il Pd avrebbe pagato la campagna elettorale”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Pizzarotti, Taverna: ‘E-mail anonima? Stessa dove ha inviato dati per la sua candidatura’

next
Articolo Successivo

Agguato Messina, Giarrusso (M5S): ‘Colpa del governo. Gomorra? Spot per camorra’

next