Se lei sarà eletta alla Casa Bianca, suo marito Bill sarà “incaricato di rivitalizzare l’economia”. E’ la promessa fatta da Hillary Clinton durante un comizio in Kentucky, dove martedì è in programma una nuova tornata di primarie. “Perché lui sa come farlo, specialmente in posti come quelli minerari o poveri o in altre parti del Paese che sono state escluse” (dalla crescita, ndr), ha spiegato la candidata democratica, alludendo ai successi economici della presidenza del marito.

“L’economia funziona meglio quando si ha un democratico alla Casa Bianca”, ha detto nei mesi scorsi l’ex segretario di Stato che anche all’inizio di maggio è ritornata sulla questione, affermando che ha l’intenzione di convincere Bill a lasciare la pensione per impegnarsi in un programma per creare nuovi posti di lavoro nel Paese: “Lui ha più idee in un minuto di chiunque altro che io conosco – ha detto ancora Clinton – dobbiamo far tornare la gente a lavorare, e noi ci impegneremo con tutte le nostre forze, al 100%, perché ho paura che se non lo facciamo non riconosceremo il nostro Paese”.

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Libia, verso alleggerimento dell’embargo su armi. Al Sarraj: ‘No truppe occidentali’. Gentiloni: “Pronti ad addestrare libici”

prev
Articolo Successivo

Elezioni Usa, la sfida è sull’economia. Trump punta su isolazionismo e slogan di pancia, Clinton in cerca di un’idea forte

next