Quattro anni fa suo figlio è diventato il sindaco M5s più famoso di tutta Italia e ora seguirà le sue orme. Claudio Pizzarotti, papà del primo cittadino di Parma Federico, si candida al consiglio comunale di Castellarano, nel Reggiano. Il 67enne, di origine parmigiana, correrà con i Cinquestelle. Una candidatura più defilata rispetto a quella del figlio, in un paese di circa 16mila abitanti, ma che non passa inosservata all’interno e all’esterno del Movimento. Non tanto per il rapporto di parentela, visto che nel M5s ci sono già stati casi di membri della stessa famiglia candidati ed eletti (a Parma anche nella stessa maggioranza in consiglio comunale), quanto per il fatto che ormai da tempo i rapporti di Federico Pizzarotti con i vertici M5s sono in bilico, con il sindaco in una specie di isolamento forzato, e la sua permanenza all’interno del gruppo politico non è così scontata per tutti.

Nella città ducale due ex membri della maggioranza hanno formato un nuovo gruppo consiliare di opposizione sempre targato Cinque stelle e la questione, arrivata anche al direttorio, con esplicite richieste di aiuto da parte dello stesso primo cittadino, non è mai stata affrontata. Anche per questo atteggiamento di indifferenza nei confronti di Parma, il sindaco al momento non ha ancora chiarito se nel 2017 si ricandiderà o meno con il Movimento 5 stelle. Quello che è certo invece è che il padre Claudio, con cui Federico, come raccontano persone a loro vicine, è in buonissimi rapporti, alla corsa per queste comunali parteciperà, confermando nonostante tutto la fiducia nella forza politica che ha portato il figlio al governo di Parma.

Autotrasportatore in pensione, Pizzarotti padre risiede da tempo a Telarolo di Castellarano, dove si trasferì nel 1999 per favorire la moglie che lavorava in zona. A sostegno della campagna elettorale del padre, il sindaco di Parma è annunciato domenica sera a Castellarano, all’incontro di presentazione della lista 5 Stelle.

“Non ho mai fatto politica – si legge nella scheda di presentazione sul sito dei Cinque stelle di Castellarano – Nella vita arriva però un momento (e non è mai troppo tardi!!!) in cui capisci che non puoi continuare a delegare, ma devi fare tu in prima persona, devi creare tu le basi perché questo paese smetta di andare alla deriva”. “Abbiamo una classe politica corrotta – continua Pizzarotti senior – piena di inutili privilegi e che difende gli interessi dell’amico potente e non quelli del cittadino comune. Sono stanco, voglio un cambiamento. Voglio il cambiamento”. Un concetto che ricorda molto il sogno di “cambiare il mondo” del figlio Federico, che si è già reso disponibile a offrire la propria esperienza per aiutare il padre e la sua lista nella campagna elettorale e che domenica 15 maggio sarà ospite proprio a Castellarano per partecipare a un incontro dei candidati Cinquestelle con la cittadinanza, portando il suo esempio di amministratore.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Referendum costituzionale, il confronto non è scontro tra fazioni

prev
Articolo Successivo

Manifesti elettorali, a Bologna candidato mette il sedere di una modella sul volantino

next