“Siamo stati noi a portare i libri in tribunale e cercare di coinvolgere la magistratura su tutto ciò che riguarda la partecipata Aamps“. Così il sindaco di Livorno, Filippo Nogarin (M5s), ai microfoni di ‘Fuori Onda‘ su La7 commenta l’indagine a suo carico per bancarotta fraudolenta sulla questione riguardante la municipalizzata dei rifiuti, società controllata dal comune di Livorno. “La magistratura ha fatto quello che doveva fare – continua il primi cittadino di Livorno -, con il sindaco di Lodi ci sono due situazioni completamente differenti. Io non ho tratto alcun beneficio cercando di tutelare i cittadini”. Infine chiosa sulle dimissioni: “Laddove si dovesse imputare una condotta che potrebbe inquinare me o il M5S, le mie dimissioni le potrete già considerare sul tavolo

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

La7, l’economista Sapelli parla del caso Deutsche Bank: crolla il collegamento via satellite

next
Articolo Successivo

Formigli: “Voi politici dovete togliervi l’immunità, così chi dice cazzate prende una querela e paga”

next