L’omertà degli abitanti di Parco Verde a Caivano, da anni testimoni di nefandezze inenarrabili a danno dei loro stessi figli, non si spiega. O meglio, sono troppi giorni che giornali e tg non ce li spiegano. E il quadro che ne viene fuori è quello d’una comunità di pavidi, peggio, di complici che chiudono gli occhi davanti agli orchi. La verità è che in questo film mancano nomi e cognomi degli attori protagonisti. I clan di camorra. Parco Verde a Caivano, Lotto Zero a Ponticelli, le Case Celesti a Secondigliano, il lotto G a Scampia, le stecche di Barra… a Napoli e provincia sono rioni popolari famigerati: piazze dello spaccio, noti a tutti come “fortini di camorra”, dove in cima alla piramide stanno i boss e i loro killer che regnano come signori della guerra. Con potere di vita e di morte su cittadini italiani trasformati in sudditi medievali.

++ Bimba giù da balcone a Caivano, era vittima di abusi ++

Alla base di questa piramide, una corte di kapò violenti e vigliacchi che, investiti dai clan del potere di spacciare e di controllare il territorio, rubano, estorcono, minacciano e abusano anche in proprio, nel cono d’ombra dei narcos. Merdaiuoli che appaiono agli sventurati sudditi dei fortini di camorra come intoccabili. E nessuno osa ribellarsi. Da qui il terrore e l’omertà, che virano in ambiguità morale e connivenza. Poi il paradosso: l’orco (o presunto tale) finisce in galera e altri detenuti (spesso camorristi o presunti tali) che cercano di linciarlo ergendosi a paladini di giustizia rimangono liberi.

Finalmente! pensiamo noi davanti alla tv, mica come quelli che abitano a Parco Verde che sono ambigui e conniventi… Ma chi più ambiguo e connivente dello Stato, che da anni non estirpa i clan di camorra da questi quartieri popolari? Di ministri e prefetti che scendono dal fico, di giornalisti che non fanno nomi e cognomi di chi regna nei fortini di camorra? In particolare a Parco Verde a Caivano dove ogni giorno cocaina, eroina, cobret, hashish ed ecstasy vanno via come il pane.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Cineca, vertici imputati e pareri taroccati Così il garante dei concorsi pubblici dribbla gli obblighi di trasparenza

next
Articolo Successivo

Sanità, infermieri sotto accusa per la gara degli aghi contrattaccano: “Primario ha riferito il falso per colpirci”

next