FCA richiama 1,1 milioni di auto, per difetti al cambio. Più che un difetto vero e proprio, in realtà, si tratta di una non efficace comunicazione al guidatore sulla modalità di guida: questo è indotto a pensare che il veicolo sia in modalità parcheggio mentre in realtà la marcia è innestata e l’auto si muove.

L’inconveniente, riscontrato dopo controlli congiunti da parte di FCA e autorità americane, riguarda i modelli Chrysler 300 e Dodge Charger prodotti tra il 2012 e il 2014, nonché Jeep Grand Cherokee prodotte nel biennio 2014-2015. E avrebbe, inoltre, provocato incidenti in cui sono rimaste ferite 41 persone.

Per quanto riguarda i paesi coinvolti, la gran parte dei richiami (811.586) riguarda gli Stati Uniti. Seguono il Canada con 52.144 e il Messico con 16.805, mentre il resto avverranno al di fuori del Nord America. FCA ha dichiarato che risolverà il problema, sia potenziando la comunicazione al conducente che inserendo un meccanismo che impedisca alla macchina di muoversi, in determinate circostanze, anche se la modalità park non risultasse inserita.

La NHTSA, agenzia per la sicurezza dei trasporti americana, ha dichiarato che monitorerà l’andamento dei richiami. Anche perché nel solo mese di febbraio ha registrato 314 segnalazioni e 121 casi di incidente dopo che le auto erano “scivolate” via a causa dell’inconveniente di cui sopra.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Germania, arrivano 630 mila richiami per modifiche ai software di auto diesel

next
Articolo Successivo

Emissioni inquinanti, i test sono obsoleti. Secondo l’Acea bisogna farne di nuovi

next