C’è chi scende in piazza per cantare “Bella Ciao”, chi commemora il 25 aprile davanti al monumento dei caduti che c’è in ogni paese e chi ogni anno si mette in pellegrinaggio in quei luoghi “sacri” che hanno conosciuto il sacrificio di tanti giovani che hanno fatto la Resistenza. Sono i simboli della nostra Storia, spazi di memoria con una loro identità. Spesso si tratta di sentieri, strade, musei che dovremmo far conoscere ai nostri ragazzi. Ecco undici luoghi dove andare a festeggiare il 25 aprile.

Fondotoce (2)Casa della Resistenza e parco della Memoria della Pace a Fondotoce
In provincia di Verbania, non distante dal lago, c’è un sacrario e un museo dedicato ai caduti della Resistenza con una galleria della memoria che ricostruisce la storia delle lotte partigiane della zona Verbano – Cusio-Ossola.

25 Aprile, i 10 luoghi della Resistenza dove cantare “Bella Ciao”

AVANTI
Capitoli
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Roma, sequestrano bimbo per riavere la droga: “Se non paghi, lo ammazziamo”. Quattro arresti, c’è anche il pugile Ricci

prev
Articolo Successivo

Trieste, due salme con lo stesso cognome all’obitorio: cremata quella sbagliata

next