Quattro anni e quattro mesi di reclusione per omicidio colposo. E’ questa la condanna inflitta al carabiniere Giovanni Macchiarolo, che il 5 settembre del 2014 uccise con un colpo di pistola Davide BifolcoIl 17enne, in sella a uno scooter insieme a un complice, non si fermò a un posto di blocco nel Rione Traiano di Napoli. Ne nacque un inseguimento che si concluse con la morte del ragazzo. La sentenza è stata emessa dal gup del capoluogo campano Ludovica Mancini al termine del processo con rito abbreviato. Il pm aveva chiesto tre anni e quattro mesi. Il militare dell’Arma è stato condannato anche all’interdizione per 5 anni dai pubblici uffici.

“Hai bloccato il cuore di mio figlio, io il tuo me lo mangio, ti uccido”. Così ha reagito Flora (nella foto), la mamma di Davide Bifolco, dopo aver appreso la decisione del giudice. “Vergogna – ha gridato ancora la donna – l’altro mio figlio per un furto ha avuto cinque anni, ed è ancora in carcere. A questo che ha ucciso l’altro mio figlio solo quattro anni, vergogna, assassino. Se lui non va in galera anche mio figlio deve uscire”.

L’avvocato Fabio Anselmo, difensore dei familiari di Bifolco, parte civile nel processo, ha invece espresso soddisfazione. Il legale, però, ha dichiarato che l’inchiesta “meritava indagini più approfondite”. Il penalista ha infatti sostenuto la tesi che il colpo non era partito accidentalmente, come sostenuto dalla difesa, ma che il carabiniere abbia puntato l’arma con l’intenzione di colpire il giovane.

In mattinata un corteo di circa 150 manifestanti è arrivato in piazza Cenni, davanti al Tribunale di Napoli, controllato dalle forze dell’ordine in tenuta antisommossa. In testa al corteo la madre del ragazzo ucciso e suoi amici. “Giustizia per Davide”, questo lo slogan scandito dai manifestanti.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Strage di Viareggio, perito di Ferrovie: “Muro e velocità ridotta del treno? Non avrebbero evitato il disastro del 2009”

prev
Articolo Successivo

Voto di scambio, l’ex senatore Pd Papania condannato a otto mesi di carcere

next