Un solo colpo di pistola ha ucciso Davide Bifolco, 17 anni il prossimo 29 settembre. Un colpo che è stato sparato da un carabiniere durante un inseguimento nel quartiere Traiano di Napoli. “Un colpo sparato accidentalmente”, dice l’Arma. “Un colpo sparato al cuore, un omicidio”, dicono la famiglia e gli amici. Quel che è certo è che Davide è morto. E quando ha smesso di respirare, in un’aiuola del lungo viale Traiano, la gente del quartiere è scesa in strada. La rabbia si è trasformata in rivolta. Insulti, sassi contro i carabinieri, otto auto delle forze dell’ordine danneggiate. Rabbia, quella del quartiere, per una ragione su tutte: “Perché Davide – dice un uomo – innocente, non è stato ucciso dalla camorra, come in questa terra troppo spesso accade. Ma da chi ci deve difendere dalla camorra”. 

Video di Andrea Postiglione

Inizia tutto poco dopo le due di notte. Davide è in giro su uno scooter con altri due ragazzi, Salvatore Triunfo, 18 anni, con precedenti, e un 23enne che a febbraio scorso ha violato i domiciliari e, dunque, era ricercato. Incrociano i carabinieri che – riferiscono al Comando dell’Arma – riconoscono sullo scooter il 23enne latitante. Intimano l’alt ma i tre non si fermano, “perchè lo scooter non aveva assicurazione”, dice la famiglia. O forse perché a bordo dello scooter, che era guidato da Triunfo, c’era un latitante, ipotizzano altri. Ed è durante l’inseguimento che c’è il punto discordante tra la versione dei carabinieri e quella della famiglia di Davide. Secondo i militari, i tre hanno perso il controllo del mezzo ed hanno urtato la gazzella. Dopo di che il 23enne è scappato a piedi; Triunfo è stato bloccato e Davide colpito dal proiettile sparato dal carabiniere. Secondo la famiglia, i carabinieri hanno speronato lo scooter provenendo dal senso opposto e hanno colpito ad altezza d’uomo, al cuore, Davide che è stato ammanettato dopo che era già stato ferito a morte con la faccia riversa nella terra dell’aiuola.

Saranno l’autopsia, la perizia balistica, le dichiarazioni dei testimoni a fare il punto sulla situazione. Intanto, il carabiniere che ha sparato, 22 anni, in servizio al nucleo Radiomobile, è indagato per omicidio colposo. “Un atto dovuto a garanzia dello stesso”, dice il procuratore aggiunto di Napoli, Nunzio Fragliasso. Intanto la rabbia è tanta, tra i genitori, i fratelli di Davide e l’intero quartiere. “Hanno ucciso un bambino, quel carabiniere non lo ha visto in faccia che era un bambino? – dice mamma Flora – Era venuto da me perché aveva freddo e voleva un giubbotto ed un cappello. Mi ha detto: ‘mamma torno tra cinque minuti, faccio un ultimo giro e torno a casà. L’ho visto, certo, dopo cinque minuti, ma l’ho visto morto. Mi sono venuti a chiamare a casa, mi hanno detto, scendi che Davide è stato fermato. Sono andata lì e l’ho trovato morto. L’ho chiamato, l’ho tirato per un braccio, ma ero morto, il mio sole era morto”. “Non aveva fatto rapine, non aveva droga, armi – urla il fratello Tommaso – lo hanno ucciso per un giro in motorino. E’ un omicidio, mi vergogno di essere italiano”.

“Chiediamo che il ministro dell’Interno venga il prima possibile nell’aula del Senato per riferire su questa incredibile tragedia e per dire come intende procedere perché giustizia sia fatta”, dice il senatore di Sel Peppe De Cristofaro. Intanto, oggi, nel quartiere Traiano, la gente urlava: “Noi qui i carabinieri non li vogliamo vedere più, sono nostri nemici”. “Una sconfitta per tutti – ha detto il signor Davide – una sconfitta per noi cittadini che questa volta ce la dobbiamo prendere con lo Stato e non con la camorra. Questo, almeno questo, speravo di non doverlo vedere mai”.