Confronto serrato, all’indomani del referendum sulle trivelle, tra Marco Lillo, vicedirettore de Il Fatto Quotidiano e autore de ‘Il potere dei segreti” (Paper First, di cui è responsabile editoriale), e l’editorialista de L’Unità, Fabrizio Rondolino. Ospiti di Coffee Break (La7), i due giornalisti dibattono sulla scarsa informazione Rai in merito al referendum. “I dati dell’Agcom sono davvero inquietanti” – osserva Lillo – “Da marzo ad aprile, Rai Uno, cioè la rete ammiraglia, ha informato i cittadini per un’ora e 10 minuti circa. La7, invece, ha informato per 8 ore e 20 minuti. Su questi dati qualcuno dovrebbe rispondere. L’Agcom, una struttura con un carrozzone enorme che paghiamo decine di milioni di euro ogni anno, non ha detto una parola su questa vergogna. In passato, un’altra gestione precedente dell’Agcom su un referendum intervenne addirittura con un diktat, obbligando le reti televisive a parlarne. E il fatto che poco più del 30% dei cittadini va a votare è una sconfitta per tutti, ma soprattutto per chi dovrebbe informare”. Il vicedirettore de Il Fatto Quotidiano menziona lo scontro in diretta tra il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, e il conduttore di Agorà (Rai Tre): “A ridosso del referendum, Gerardo Greco ha detto che si votava solo in 9 regioni d’Italia. Se uno dei professionisti più bravi come Greco non sapeva dove si votava, arrivando a dire che in Val d’Aosta le trivelle non importavano a nessuno (e invece i valdostani hanno votato in numero maggiore degli abruzzesi, che hanno le trivelle davanti), vuol dire che non è stata fatta informazione, soprattutto dalla Rai. Ed è una vergogna”. Ribatte Rondolino: “Veramente ci sono conduttori Rai, come Giannini e Gabanelli, che hanno fatto l’appello al voto, contravvenendo al dovere minimo di un dipendente del servizio pubblico”. “E’ dovere civico” – replica Lillo, che menziona anche Mattarella – “E’ la prima volta nella storia che un presidente della Repubblica aspetta quasi la notte per andare a votare”. “E’ una persona perbene”- commenta Rondolino – “ognuno decide per sé”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Trivelle, Emiliano su Renzi e Napolitano: “Indurre all’astensione è reato”. Poi lo scontro con Bellasio (Sole 24 Ore)

next
Articolo Successivo

Referendum trivelle, Gomez: “Renzi? Doveva ringraziare votanti e prendere impegni su piattaforme e lobby”

next