L’ex ministro Gianfranco Rotondi, deputato di Forza Italia e presidente di Rivoluzione Cristiana, è intervenuto ai microfoni di Ecg Regione su Radio Cusano Campus, racconta che la figlia di dieci anni è stata “derubata qualche giorno fa a scuola da una amichetta“. “Una bimba ha rubato dall’astuccio una penna a mia figlia. Mia figlia le ha chiesto come mai lo rubasse proprio a lei e l’altra ha risposto che lo aveva preso a lei in quanto figlia di un politico che ruba e che quindi l’avrebbe potuta ricomprare – dichiara Rotondi -. Se una bimba di 10 anni ha in mente una equazione semplice e cioè che un politico è uno che ruba, pensate che danno ha fatto l’antipolitica“. Poi aggiunge: “Ormai l’opinione generale è che la politica sia ormai il mestiere di chi ruba soldi alla collettività. Mia figlia ha pianto sul momento – continua -, perché avevano chiamato ladro il suo papà e poi ha pianto anche perché la maestra ha messo una nota a tutte e due le bambine, che si sono accapigliate e tirate i capelli. Poi hanno fatto pace, per fortuna”. Ma non è tutto. Rotondi, poi, ha confessato che la sua bambina è particolarmente affezionata a Silvio Berlusconi: “Mia figlia è berlusconiana. Qualche tempo fa ho dovuto convincerla a non pubblicare su Facebook un selfie con Berlusconi. Già a dieci anni, come vede Silvio in televisione mi chiama. Forse lo vede come un nonno. Berlusconi – prosegue – ha una qualità umana speciale con i bambini”. Rotondi non dimentica di puntualizzare che sta scrivendo un libro. Il titolo? ‘Meglio la casta’

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Panama Papers, Sansonetti non gradisce l’inchiesta scoop: “A me neanche il Watergate è piaciuto”

prev
Articolo Successivo

Intercettazioni, Davigo: “Renzi ha ragione, potremmo obbligare al segreto anche dopo il deposito”

next