I suoi comportamenti “evidenziavano con chiarezza il suo processo di radicalizzazione religiosa in atto” e “ai militari dell’Arma dei Carabinieri dopo avere aggredito un minore “si era dichiarato vicino a Is”. In quell’occasione aveva “gridato di volere ‘tagliare la testa agli italiani'”. Il ministro dell’Interno Angelino Alfano ha riferito che “un marocchino di 32 anni, entrato in Italia nel 2013 e regolarmente residente a Potenza” è stato espulso. Una decisione che è arrivata “dopo una serie di attente indagini”.

“Ho deciso la sua espulsione – ha aggiunto il titolare del Viminale – perché, a seguito di altri episodi di questo genere, era ormai incline a posizioni di estremismo politico-religioso che, assieme alla reiterazione di condotte penalmente rilevanti, avevano dato segnali inequivocabili di pericolosità per la sicurezza dello Stato“. Nel 2015 in totale, sono state 77 le espulsioni, “11 delle quali nei primi mesi di quest’anno”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Norman Atlantic, i camionisti pagano i debiti dell’armatore

prev
Articolo Successivo

Bergoglio: ‘Divorziati risposati, sì a comunione’. E sul sesso tra coniugi dice: ‘Valore, non peso da sopportare’

next