“Parliamoci molto chiaramente. Sarebbe un mondo quello dell’informazione ben strano se si intervistassero solo i casi virtuosi, le persone perbene, quelle che non hanno nulla da nascondere o da rivelare. Ma qui la questione è un’altra: l’intervista al figlio di Riina viene effettuata soltanto perché il figlio di Riina ha un libro in uscita, questo si chiama in un altro modo, non è giornalismo-verità“. Così il direttore Enrico Mentana, durante la conduzione del Tg del La7, ha commentato l’intervista di Salvo Riina, figlio del boss con un libro in uscita, nel salotto di Porta a Porta. “Secondo noi, tutto ci sta dentro la televisione, tutto ci può passare, perché – ha concluso Mentana  – poi la scelta è quella del telespettatore che semplicemente cambia canale. Il problema è quando succede con i soldi che vengono imposti sotto forma di canone

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Riina jr a Porta a Porta, ma quale servizio pubblico

prev
Articolo Successivo

Riina jr a Porta a Porta, Bindi: “Puntata riparatrice ancora più grave. Intervista gratuita o no?”

next