A volte ritornano. E’ questo il caso de “L’Automobile”, il giornale dell’Aci nato 71 anni fa e che si rilancia con un progetto editoriale tutto nuovo. Parte infatti proprio oggi il nuovo sito web www.lautomobile.it, mentre in autunno sarà la volta di un magazine mensile destinato ai soci Aci (più di un milione) e non solo, sia in versione digitale che cartacea. Smart mobility, città intelligenti, sostenibilità sono alcune delle sfide che la rivista intende raccogliere, condividendole con i lettori.

Il direttore della nuova testata, Alessandro Marchetti Tricamo, ha spiegato che L’Automobile contribuirà a spiegare l’evoluzione della mobilità nel nostro Paese, occupandosi nel contempo anche di auto d’epoca e di competizioni motoristiche, valorizzando le risorse interne senza per questo rinunciare a collaborazioni e contributi internazionali, “in un’ottica di condivisione delle idee, per raccontare meglio presente e futuro”.

L’Automobile è un prodotto nuovo, fresco, che con il digitale si rivolge a tutti, in particolare ai giovani, ma che al contempo rivitalizza la passione per l’auto anche grazie a immagini inedite del nostro archivio storico”, ha commentato il presidente dell’Aci, Angelo Sticchi Damiani.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Incidenti stradali, nel 2015 in Europa sono costati 100 miliardi di euro

prev
Articolo Successivo

Gruppo PSA, 26 modelli in cinque anni Ecco i dettagli del piano e il nuovo logo

next