A Bamako, capitale del Mali, un commando composto da quattro persone ha assaltato intorno alle 19.30 l’albergo Nord Sud che è la base di 600 militari dell’Eutm (European Union Training Mission), missione di addestramento dell’Unione europea per le forze di sicurezza locali. Un portavoce del ministero della Difesa ha confermato che sono stati esplosi alcuni colpi d’arma da fuoco. Un assalitore è morto e gli altri tre sono fuggiti. La Eutm su Twitter ha però confermato che nessuno dei militari “è stato ferito”. In Mali, attualmente, sono 12 i militari italiani. Tre quelli presenti a Bamako: sono stati contattati dall’Italia e stanno tutti bene. Nessuno è rimasto coinvolto.

L’albergo Nord Sud si trova nel quartiere Aci 200, a pochi metri dall’ambasciata americana. Nel corso dell’attacco tutta l’area è stata chiusa al traffico e al pubblico ed è stata circondata dalle forze dell’ordine. Gli aggressori, riferiscono alcuni testimoni, “hanno tentato di sfondare un ingresso, le guardie hanno aperto il fuoco. Un assalitore è stato ucciso e le sparatorie sono proseguite per alcuni minuti”. Nessuno ha sinora rivendicato l’azione. Non è la prima volta che nella capitale del paese africano viene assaltato un albergo: il 20 novembre scorso 22 persone furono uccise nell’attacco al Radisson Blu, da parte di un commando legato ad al Qaeda.

 

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Turchia, il Pkk non è un’organizzazione terroristica

next
Articolo Successivo

L’Isis, la Cia e noi poveri mortali

next