Metti una sfida a inseguimento tra un’auto, la Jaguar XJ, e un drone. Guidati rispettivamente dal famoso stuntman Mark Higgins e dal pilota di droni e auto da corsa JaeHong Li.

Siamo in Cina, presso il Zhuhai International Circuit, e Higgins cerca di scrollarsi di dosso il drone che invece lo tallona. Per farlo, abbandona addirittura la pista e si infila in una zona industriale dove ci sono container, viali alberati, garage e parcheggi sotterranei. Non uno scenario semplice da affrontare con manovre repentine, e soprattutto al volante di un’auto abbondantemente sopra i cinque metri di lunghezza. Così come non proprio agevole è stargli dietro con un drone.

Alla fine non c’è un vincitore vero e proprio, anche se la XJ se la cava bene. Il gioco del gatto col topo, però, ci fa ben capire (specie guardando il video di seguito) come la tecnologia stia facendo passi da gigante sia nell’industria automobilistica che in quella dei droni, e come tutto questo possa giovare molto alle riprese degli inseguimenti nei film d’azione, ad esempio.

Nella fattispecie, JaeHong Li ha utilizzato la rotazione autonoma e la telecamera con vista a 360 gradi per cercare Higgins e la XJ che, a sua volta, ha beneficiato del servosterzo elettrico che aumenta la reattività e la risposta così come dei sistemi che utilizzano i sensori e le quattro telecamere on board.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Seat, tornano gli utili dopo sette anni addio “brutto anatroccolo” del gruppo Vw

next
Articolo Successivo

Strage gita Erasmus causata da colpo di sonno. I dispositivi anti-stanchezza sono economici, ma non obbligatori

next