Dopo 16 anni di battaglie e polemiche per acquistare la pillola del giorno dopo non servirà più la prescrizione medica, almeno per i maggiorenni. E’ quanto ha deciso l’Aifa, l’Agenzia italiana del farmaco, che con una determina pubblicata il 3 marzo sulla Gazzetta ufficiale ha abolito l’obbligo di ricetta per il Norlevo, il farmaco contraccettivo d’emergenza a base di levonorgestrel. L’obbligo di ricetta non ripetibile rimane invece per le minorenni.

“Nei casi in cui la maggiore età di chi fa richiesta non fosse evidente – precisa Federfarma in una circolare – le farmacie chiederanno un documento di identità e rifiuteranno la dispensazione senza ricetta qualora la persona risultasse minorenne”. Il 26 marzo dello scorso anno ad essere abolita era stata la ricetta per la pillola dei cinque giorni dopo, mentre lo scorso gennaio, l’Aifa aveva modificato allo stesso modo il regime prescrittivo di altri due contraccettivi d’emergenza a base di levonorgestrel, lo Stromalidan e l’Escapelle, simili al Norlevo ma più cari.

Silvio Viale, il medico torinese che da sempre si batte per rendere facilmente accessibile la Ru486, la pillola abortiva, ha commentato: “Meglio tardi che mai, è dal 2000, anno della registrazione, che chiedo l’abolizione della ricetta per la contraccezione di emergenza” e su Twitter ha lanciato un appello affinché la notizia circoli il più possibile.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Pedofilia, Bagnasco: “Vescovi italiani tra i primi nel rigore”. Ma la Cei (sbugiardata dal Papa) respinse l’obbligo di denuncia

prev
Articolo Successivo

Festa del Papà, a Milano asilo nido la abolisce per non discriminare bimbi con due mamme

next