“Un referendum abrogativo ad aprile? Non lo sapevo. E su quale argomento?”. Al momento è improbabile attendersi una larga partecipazione alla consultazione popolare contro le trivellazioni in mare prevista per il prossimo 17 aprile. Tra i cittadini che abbiamo interpellato sul tema, infatti, pochissimi sono informati. “Noi siamo pugliesi e sappiamo bene cosa rischiano le Tremiti con le trivellazioni per la ricerca di giacimenti di gas e petrolio, andremo a votare”, dichiara uno dei pochi intervistati al corrente dell’appuntamento elettorale. “I buchi in mare ho sentito? Ma io me ne fotto” afferma un anziano signore. La gran maggioranza non ha la minima idea di quale sia il tema sul quale gli elettori saranno chiamati a esprimersi fra poco più di un mese. Tra gli informati prevalgono i , ma il vero problema sarà raggiungere il quorum  di Piero Ricca, riprese Ricky Farina

 

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Olimpiadi 2024: “Roma può rilanciarsi”, “opportunità per i corruttori”. E tu che come la pensi?

next
Articolo Successivo

Roma, tra astensionismo e malcontento: chi vince le elezioni si brucia? Vox e sondaggio

next