Io ci credo, non sono abituato a perdere e vado avanti come una ruspa“. Guido Bertolaso crede nella sua candidatura a sindaco di Roma per il centrodestra e pensa di avere delle chance di vincere. “Se mi faccio coinvolgere in una sfida è perché – dice al termine della due giorni su “Roma, l’Italia e l’Europa” organizzata da Forza Italia e il Ppe all’Hotel ergife di Roma – voglio dare il meglio di me stesso. Il traguardo non è far vincere un partito o l’altro, ma trasformare questa città. Sulla possibilità di fare delle primarie a Roma, visto che i candidati a destra si moltiplicano (Alfio Marchini, Francesco Storace, Irene Pivetti e Di Stefano), Bertolaso risponde: “Io sono un tecnico, non un politico. Non decido io”. Sulle sue vicende giudiziarie e la lettera degli aquilani ai romani aggiunge: “Io sono orgoglioso del lavoro fatto all’Aquila, sono una minoranza a contestarmi”, aggiunge. Priorità del suo programma è una lotta seria contro il degrado. “Strizza gli occhi a Salvini? No ai romani”, replica perentorio. E sull’emergenza topi ha la sua ricetta: “Non serve il pifferaio magico, non è necessario il premio Nobel per capire che serva una rattizzazione come nelle altre Capitali europee, solo eliminando il degrado e i rifiuti possiamo risolvere il problema”

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sondaggi, guerra in Libia: i contrari sono in maggioranza. “Inutile”. Palazzo Chigi: “Cautela su certe scelte”

next
Articolo Successivo

Banche, Alternativa Libera-Possibile: “Sanzione Bankitalia a Boschi evidenzia incompatibilità ministro Riforme”

next